Nell’interpretazione critica che Antonino Bambara fa della pittura di Dimitri, cogliamo un che di tragico e pessimistico insieme: Dai dipinti vengono fuori uomini e cose che parlano di problemi, escono dalle strade e da lì vengono a parlare, a denunciare. Le sue opere sono di un linguaggio sociale duro, semplice e chiaro. La sua pittura inquietante, che incuriosisce e attira, è fatta di solitudine e di denuncia.

Un uomo, solo contro tutti, denuncia perenne del malcostume sociale.

Amante innamorato della natura, che non lo tradisce mai, con la quale ha un susseguirsi di orgasmi coloristici che tutto rianimano e umanizzano, in una poesia di colore